Settori Giovanili

ASD Leporano Calcio: Giuseppe Novellino assolto dalle gravi accuse. Avv. Destratis: “In appello si è fatta chiarezza”

02.12.2022 20:43

https://www.facebook.com/onoranzefunebritarantolb

G. Novellino prosciolto dalle gravi accuse. 
Avv. Destratis: “In appello si è fatta chiarezza. Occorre porre un freno alle ammende comminate alle società”

Il massimo organo di giustizia sportiva regionale ha accolto il reclamo del Leporano Calcio, società difesa dall’avv. Giulio Destratis e ridotto considerevolmente la squalifica al tecnico Mr Giuseppe Novellino e l’ammenda comminata alla compagine tarantina. In seguito ai fatti accaduti durante e dopo la gara di calcio giovanile Grottaglie – Leporano, fu emesso un durissimo provvedimento dal Giudice Sportivo, il quale sanzionò pesantemente Novellino per ipotetiche e gravissime minacce all’arbitro, smentite dalla Corte di Sportiva di Appello Lnd Puglia.
Novellino: “Sono molto soddisfatto dell’esito del procedimento di appello perché sostanzialmente si è accertato che durante la partita non mi sono mai rivolto all’arbitro con le irripetibili parole utilizzate dal giudice sportivo per motivare la sua errata pronuncia e che al termine del match non ho mai minacciato il direttore di gara. Sono padre di famiglia e da decenni la mia società cerca di promuovere nei giovani i valori del rispetto e della lealtà. Andiamo su tutti i campi a testa alta, fieri del lavoro che svolgiamo settimanalmente con i nostri ragazzi. Non potevo permettere a nessuno di infangare ingiustamente il mio nome e quello della società Leporano. Mai mi sarei permesso di rivolgermi all’arbitro con i termini indicati nel comunicato ufficiale del giudice sportivo. Ci tengo a formulare alla giovane arbitro Iaquinta i miei migliori auguri per il prosieguo della sua carriera. In occasione delle partite ci può stare un eccesso di foga dettato dalla trance agonistica ma credo che non si debba mai mancare di rispetto alla classe arbitrale. Ero certo della mia innocenza e per provarla ero disposto anche a rivolgermi alla giustizia ordinaria. Ringrazio l’avv. Destratis per la grande professionalità mostrata”.
Avv. Destratis: la C.S.A.T. Puglia ha ritenuto di riformare notevolmente l’errata sanzione comminata dal giudice sportivo, accogliendo le tesi difensive mirate a far rilevare l’assenza di qualsivoglia certezza circa le frasi attribuite infaustamente al tecnico Novellino. Per quanto i referti di gara possano assumere “prova privilegiata” rispetto a quanto accaduto in occasione degli incontri di calcio, non si può ledere l’immagine di una società e la reputazione di una persona se non si è certi del verificarsi di fatti illeciti. In tal modo, si corre il rischio che le vicende “di campo” sfocino nella giustizia penale e ciò rappresenterebbe una sconfitta per l’ordinamento sportivo. Bene ha fatto la Corte ha ridurre di più della metà anche l’ammenda comminata dal giudice sportivo nei confronti della società, ridimensionando i fatti avvenuti nel post partita. I giudici sportivi nella quantificazione delle ammende alle società devono tener conto tanto della grave situazione di emergenza sanitaria ed economica in corso che rende già gravoso l’impegno economico delle società sportive quanto del fatto che la partecipazione ai campionati giovanili e dilettantistici già comporta ragguardevoli esborsi settimanali. Troppe società si stanno allontanando dal mondo Figc. Occorre punire chi sbaglia ma allo stesso tempo scongiurare sanzioni sproporzionatamente afflittive”.

Commenti

Pescara-Taranto, il doppio ex Galeoto: 'Taranto? Ho ancora una ferita aperta'
Trasferta in terra pescarese vietata ai tifosi tarantini