News CT

Più suolo pubblico gratuito per le attività commerciali, misura confermata dall’amministrazione Melucci

21.10.2020 11:44

La giunta Melucci ha prorogato fino al 31 dicembre 2020 la concessione gratuita ai titolari di pubblici esercizi del 50% in più del suolo pubblico già occupato per le attività di somministrazione di cibi e bevande.

La misura, già adottata a valle del lockdown con il pacchetto varato con la delibera 108/2020, voluta dal sindaco Rinaldo Melucci per favorire la ripresa socio-economica locale, è stata confermata allungandone i termini di validità rispetto alla previsione inziale del 31 ottobre 2020, in linea con le decisioni del Governo contenute nel cosiddetto “Decreto Rilancio 2”, che ha prorogato fino alla stessa data l’esenzione dal pagamento della Tosap, la tassa per l’occupazione del suolo pubblico.

«Confermiamo questa misura che ha consentito agli esercenti di poter lavorare garantendo il necessario distanziamento sociale – ha spiegato il primo cittadino –, in questo modo interveniamo su questa parte del tessuto produttivo offrendo strumenti utili a mantenere la redditività e un più facile ritorno alle condizioni pre-crisi».

Con lo stesso provvedimento sono state confermate anche le modalità semplificate per richiedere l’ampliamento, prevedendo inoltre la possibilità di richiedere nuove concessioni nello stesso modo: una comunicazione asseverata da parte di titolare dell’attività, da inoltrare attraverso il portale “impresa in un giorno” alle medesime condizioni e prescrizioni del vigente Regolamento e alle condizioni e modalità dello stesso provvedimento.

«Confermando questa misura, confermiamo la nostra attenzione per le esigenze del commercio tarantino – ha concluso l’assessore allo Sviluppo Economico Fabrizio Manzulli –, particolarmente segnato dagli effetti della crisi indotta dall’emergenza sanitaria».

Commenti

Melucci: «Patto di fine legislatura per traguardare con forza il 2022»
Concattedrale Gran Madre di Dio, partono i lavori per riqualificare le vasche progettate da Giò Ponti