1a Categoria

Prima Categoria: Manduria chirurgico, Matino al tappeto

a cura di Fabrizio Izzo

02.12.2018 21:51

Immagine ZaccagniUn Manduria cinico e spietato abbatte la capolista Matino, 3 a 1 il finale. Con i tre punti conquistati sul neutro di Sava i manduriani riducono le distanze dalla vetta, ora solo a due punti, e con una partita da recuperare che li proietterebbe, qualora vinta, in cima alla classifica, sempre che il Veglie perda nel suo recupero contro il Leverano.

Primo tempo vivace all’interno del quale si sono concentrati tutti e quattro i goal della gara. A farsi pericolosi per primi sono stati, però, i ragazzi di mister Toma, un ex, con Manisi che a tu per tu con il portiere calcia debolmente favorendo l’intervento di Tolardo. Al minuto 8 il Manduria passa in vantaggio, scambio Birtolo-Riezzo-Birtolo e tiro di sinistro di quest’ultimo, appena dentro l’area, che fulmina l’estremo difensore avversario. Nemmeno il tempo di gioire e il Matino perviene al pareggio, punizione dalla destra, colpo di testa di Manisi e respinta di Tolardo, sulla palla si avventa lo stesso Manisi che mette in rete. Al 14° azione di Riezzo sulla destra che da l fondo mette al centro, difetoso intervento di un difensore leccese che favorisce Birtolo lesto a calciare in porta, da distanza ravvicinata, battendo Polo. Il Matino reagisce e a metà del tempo sfiora il pareggio ancora con Manisi che si vede deviare in angolo, con i piedi, la conclusione dal portiere. Al 36° Birtolo approfitta ancora di un’ingenuita della difesa leccese e calcia in porta da posizione defilata, pronta la respinta di Polo. Allo scadere della prima frazione il capolavoro di giornata, cambio di gioco di 50 metri di Riezzo, da sinistra a destra, Zaccaria di piatto fa da sponda per l’accorrente Erario che dal limite dell’area calcia al volo insaccando, a mezza altezza, alla sinistra del portiere, 3 a 1 e riposo.

Secondo tempo meno frizzante, il Matino ha fatto gioco mantenendo l’iniziativa e il Manduria, più attendista, ha controllato la gara senza correre rischi, tranne nei minuti finali. Primo brivido al 79°, Riezzo ruba palla e da centrocampo prova a sorprendere Polo fuori dai pali con la sfera che sfiora la traversa di un niente ed esce, un’intuizione che se avesse avuto buon fine sarebbe bastata il costo del biglietto moltiplicato cento. Al minuto 83 il signor De Pinto di Bari, buona la sua conduzione, espelle Cirrottola per una presunta gomitata in un contrasto aereo. Negli ultimi minuti, con la superiorità numerica, il Matino da fondo al forcing finale collezionando le uniche due opportunità di tutta la seconda frazione ed esaltando Tolardo. Al 90° Greco calcia dall’interno dell’area in diagonale ma Tolardo blocca a terra e al secondo minuto di recupero, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, il colpo di testa di un uomo del Matino viene deviato, da un attento e reattivo Tolardo, contro la traversa con Arcadio pronto, sulla linea di porta, ad evitare che la sfera rotoli nel sacco.

Il cecchino Manduria fa sua una gara importantissima e pensare che il pomeriggio non era iniziato nel migliore dei modi con l’infortunio, durante il riscaldamento, di Termite portiere titolare ma ben sostituito. La vittoria di oggi ridimensiona il Matino, potenzialmente può significare anche primo posto e soprattutto accontenta i tifosi ai quali era stata promessa. I biancoverdi confermano il buon momento, si sono espressi bene con trame di gioco interessanti, hanno dimostrato autorevolezza e compattezza, ingredienti fondamentali per il prosieguo in campionato. Ora testa a domenica prossima con la trasferta di Leverano, niente male.

Tabellino

MANDURIA – VIRTUS MATINO: 3 – 1

Formazioni

Manduria: Tolardo, Vantaggiato, Mero (Gallone), Erario, Cirrottola, Calò, Riezzo, Arcadio, Birtolo (Pisello), Conte (Nodriano), Zaccaria (De Pascalis). A disp. Dajbog, Marilli, Carrozzo, Margarito, Scialpi. All. Lippolis.

Virtus Matino: Polo, Leanza, Seclì, Riccio, Galante (Errico), Mengoli, Cancella, Tundo (Greco), Alessandrì  (Gabrieli), Pellè, Manisi. A disp. Barbetta, Toma, Martalò, Riccardo, Morganti. All. Toma.

Marcatori: 8° e 14° Birtolo (M), 10° Manisi (VM), 45° Erario (M).

Ammoniti: Mero (M), Leanza (VM)

Espulso Cirrottola (M)

Arbitro Sig. Michele De Pinto della sezione di Bari.

Queste le poche parole del presidente Elio Palmisano visibilmente emozionato: “Sono molto contento della vittoria ottenuta oggi pomeriggio.”

Questa invece le dichiarazioni di mister Lippolis: “Abbiamo giocato una partita straordinaria, abbiamo vinto con il cuore. La nostra rosa non è molto ampia ma siamo riusciti a sopperire alle assenze nel miglior modo possibile, tutti stanno dando il massimo. Siamo un gruppo coeso e credo che sia principalmente questa la nostra forza. Sapevamo della loro abitudine a fare gioco e noi li abbiamo aspettati, pronti a ripartire. Questo era uno scontro diretto e avevamo l’obbligo di vincerlo, abbiam fatto un buon filotto di vittorie e ora siamo li, a pochi punti dalla vetta e con una partita in meno, peccato per le due sconfitte iniziali. Questi tre punti ci infondono tanta fiducia ma non possiamo distrarci, oggi ci godiamo questa gioia ma da martedì si pensa alla prossima, avremo ancora assenze importanti ma chi scenderà in campo farà bene.”

Commenti

Promozione: vince il Martina, pareggiano Ginosa e Talsano, il Lizzano perde a Uggiano
Basket | C Gold - Infausta trasferta per i team ionici