1a Categoria

Prima Categoria, il Castellaneta accarezza i tre punti ma il big match va al cuore grottagliese

a cura di Fabrizio Izzo

24.02.2019 22:39

Immagine ZaccagniIl match più importante della settima giornata si è giocato al D’Amuri di Grottaglie tra i padroni di casa dell’Ars et Labor, secondi in classifica, e il Castellaneta, capolista. Si è giocato al cospetto di un pubblico numeroso in un pomeriggio soleggiato ma sferzato da un vento teso e freddo su un terreno di gioco non in buone condizioni. Partita fondamentale per i biancoazzurri e importantissima per il Castellaneta, terminata con il risultato di 3 a 2 per i padroni di casa. La cronaca:

Il primo tempo è iniziato con un parapiglia già al primo minuto gioco e si è chiuso allo stesso modo con le espulsioni di De Tommaso, per il Grottaglie, e Cantalice, per il Castellaneta. In mezzo, ai due episodi, gioco equilibrato, con le due squadre che si sono affrontate a viso aperto, impegnando i rispettivi portieri avversari e terminato giustamente con il parziale di 1 a 1.

4° Haka calcia da fuori area e Costantino respinge sui piedi di Gjonaj, pronta la replica del fantasista del Castellaneta che impegna il portiere grottagliese in angolo;

12° Appeso raccoglie una corta respinta della difesa avversaria e calcia in porta, Bufano proteso in tuffo respinge su Birtolo che deposita in rete ma il direttore di gara annulla per un evidente fuorigioco dello stesso attaccante;

14° tiro dalla distanza di Raffaello e ancora Bufano respinge con la difesa che libera;

15° De Tommaso sfugge in mezzo a due avversari e, dalla linea di fondo, mette al centro, la palla finisce sul braccio di Panzarea e l’arbitro decreta il rigore. Sul dischetto si porta Galeandro che batte Bufano. Grottaglie 1 Castellaneta 0;

27° Haka scatta in contropiede e Camassa lo mette a terra. Sul punto di battuta della punizione, in prossimità della lunetta, si porta Gjonaj che calcia benissimo sopra la barriera ma trova la bella e pronta risposta di Costantino;

44° traversone in area di Buttiglione, la palla finisce a Gjonaj, bravo a girarsi in area, saltare Pisano e calciare in diagonale, di sinistro, battendo Costantino. Grottaglie 1 Castellaneta 1.

Secondo tempo non bello. I due allenatori, con le squadre ridotte in 10 per le espulsioni, hanno dovuto logicamente rivedere i moduli iniziali (Grottaglie con la difesa a quattro), il gioco è andato mano mano scemando, i lanci lunghi e il vigore hanno preso il sopravvento sulla tecnica e sulla tattica. Condizione che alla fine ha portato ad altri tre goal, due per il Grottaglie e uno per il Castellaneta.

48° Romanelli, dalla propria metà campo, parte in contropiede e serve in area Haka, il centravanti biancorosso, davanti a Costantino, cincischia e si fa recuperare da Appeso;

50° Raffaello, dall’interno dell’area, calcia debolmente in porta, Bufano blocca facilmente;

56° Romanelli mette la palla in corridoio per Gjonaj con Costantino costretto ad uscire con i piedi per evitare guai;

59° Fonzino mette al centro una palla dalla destra ma Birtolo arriva in leggero ritardo;

60° Recchia lancia Gjonaj che salta Cazzetta, evita l’intervento di Camassa e batte Costantino con un tiro, sul secondo palo, da posizione defilata. Grotaglie 1 Castellaneta 2;

67° Cazzetta lancia lungo, Birtolo stoppa di petto, si gira e calcia in porta con la palla che esce di poco sulla traversa;

73° Romanelli sfugge alla marcatura di Cirrottola e mette al centro, la palla attraversa tutto lo specchio della porta con Gjonaj in ritardo sulla deviazione;

75° Appeso serve Napolitano al limite dell’area, il centrocampista grottagliese si aggiusta la palla e calcia di sinistro con la sfera che tocca la traversa e finisce in porta. Grottaglie 2 Castellaneta 2;

80° Calcio d’angolo di Napolitano, svetta di testa Amaddio, appena subentrato, e palla nell’angolo basso alla destra di Bufano. Grottaglie 3 Castellaneta 2;

90° cross di Pietracito dalla sinistra e Romanelli, tutto solo in area piccola, colpisce debolmente di testa favorendo la parata di Costantino;

90°+3 Birtolo, servito da Napolitano, calcia in diagonale con la palla che finisce di poco al lato.

Partita non bellissima, solo il primo tempo può essere ritenuto all’altezza delle aspettative. Nella seconda frazione la gara è stata spezzettata continuamente, troppe interruzioni e tanti lanci lunghi. La posta in palio troppo alta, forse, ha inibito i giocatori nell’esprimersi al meglio, da considerare che sia il vento e soprattutto il campo di gioco in cattive condizioni non hanno consentito alle due squadre di esprimersi sui livelli tecnici che gli si addicono. Il Grottaglie doveva vincere a tutti i costi per agganciare i rivali in testa alla classifica e non buttare tutto alle ortiche, ci è riuscito mettendo in campo tanto cuore anche senza giocare la migliore gara della stagione. I biancoazzurri hanno però mostrato carattere, recuperando il goal di svantaggio, e coraggio, credendoci fino alla fine, ottenendo tre punti fondamentali nell’economia del campionato. Il Castellaneta, ben organizzato, ha giocato un calcio più pulito, ben articolato ma è stato poco cinico, ad inizio ripresa ha avuto le occasioni, oltre al goal, per congelare il risultato ma non le ha sfruttate, nonostante degli elementi in attacco davvero notevoli. Dopo la rete del vantaggio i biancorossi si sono abbassati forse troppo lasciando campo agli avversari che sono stati bravi a concretizzare le opportunità create. Fondamentali le sostituzioni, decisive quelle dei grottagliesi meno incisive quelle dei valentiniani. Si ricompone, dunque, la coppia di testa, un tandem che pare possa andare avanti così fino al termine della stagione anche se, obiettivamente parlando, il Castellaneta ha probabilmente meno scogli lungo il cammino a differenza del Grottaglie che dovrà affrontare delle gare insidiose. Osservazioni, queste, che potrebbero non avere costrutto tenendo conto che ogni partita ha una storia a se.

Tabellino

ARS ET LABOR GROTTAGLIE – CASTELLANETA: 3 – 2

Formazioni

Ars et Labor Grottaglie: Costantino, Pisano (Napolitano), Appeso, Pizzolante (Cazzetta), Camassa, Cirrottola (Amaddio), Collocolo (Masella), Raffaello (Fonzino), Galeandro, De Tommaso, Birtolo. A disp. Annicchiarico, Lecce, Castellana, Comes. All. Orlandini

Castellaneta: Bufano, Buttiglione (Favale), Russo (Pietracito), Panzarea (Intini), Macaluso, Cantalice, Gjonaj, Greco, Haka (Recchia), Romanelli, Pinto (Marra). All. D’alena.

Marcatori: 15° Galeandro rig. (G), 44° e 60° Gjonaj (C), 75° Napolitano (G), 80° Amaddio (G).

Ammoniti: Macaluso (C), Marra (C), Pinto (C), Costantino (G), Pizzolante (G), Camassa (G), Appeso (G), Galeandro (G).

Espulsi: De Tommaso (G), Cantalice (C), Lecce (G) (dalla panchina).

Arbitro: Roberto Aratri della sezione di Bari

Commenti

Futsal M: Bernalda, con la capolista Bisignano primo ko per Do Amaral
Real Virtus Grottaglie, doppio ko contro il Taranto