1a Categoria

Castellaneta, finale Play-Off: mister D’Alena, tanto cuore ma abbiamo fatto di meglio

a cura di Fabrizio Izzo

13.05.2019 13:01

Immagine ZaccagniDopo la gara Play-Off vinta contro il Sava mister D’Alena, raggiunto telefonicamente, analizza il match e accenna al futuro: “non abbiamo passato una settimana tranquilla, la sconfitta nello spareggio contro il Grottaglie ha lasciato il segno e abbiamo dovuto lavorare tantissimo sulla testa dei ragazzi che a dire il vero, nell’allenamento di venerdì, mi avevano mostrato una chiara inversione di tendenza. Effettivamente così non è stato a guardare il nostro primo tempo, bloccati, poco dinamici, contratti e poco reattivi nei confronti di un Sava che pur non avendo avuto grosse occasioni si è mostrato più deciso e voglioso. Bravi loro a capitalizzare le uniche due occasioni presentatisi. Noi non bene nell’approccio anche se fondamentalmente ordinati, non credo però meritassimo il doppio svantaggio. Nel secondo tempo ho cambiato qualcosa, ho spostato Intini a centrocampo mettendo Greco al centro della difesa e sostituito Recchia con Pietracito, più abituato a spingere passando, praticamente, ad un 4-2-3-1. Con queste mosse abbiamo costretto i nostri avversari ad abbassarsi, abbiamo preso campo e conquistato più seconde palle. I risultati alla fine si sono visti e ne sono estremamente contento ma più per il cuore che i ragazzi ci hanno messo e per il cinismo il mostrato che per la tipologia di gioco espressa. Devo essere sincero nello spareggio di Fasano e ieri non siamo stati quella squadra che tutti hanno elogiato nel corso del campionato per la qualità di gioco, forse siamo arrivati a questi due appuntamenti stressati, del resto dopo una corsa da 80 punti ci può stare. L’importante comunque era vincere per avere la certezza del salto di categoria ed ora il Castellaneta andrà in Promozione. Tanta soddisfazione all’interno della società e credo che anche la tifoseria abbia apprezzato il nostro lavoro, una tribuna così gremita, al De Bellis, erano anni che non si vedeva. Devo dire che in questa stagione il Castellaneta si è ricomposto in toto, tutto il settore giovanile sarà presente nei campionati regionali, siamo una società modello sotto il punto di vista organizzativo e della gestione economica. Per la prossima stagione vediamo, ci vuole una pausa riflessiva, da considerare che conciliare il mio lavoro con la passione da allenatore comporta tanti sacrifici. Per il prossimo anno aspettiamo gli sviluppi, vedremo, perchè non è facile accontentare una piazza particolare come Castellaneta.”

 

Commenti

Morrone, la boxe si tramanda di padre in figlio
Castellaneta, finale Play-Off: il presidente Tarquinio, obiettivo raggiunto nel primo anno di carica