Altri Sport

Ginosa, applausi per "Sport di classe" della 5a della "Lombardo Radice"

04.06.2019 22:03

Si è concluso mercoledì, 29 maggio 2019, il progetto SPORT DI CLASSE che ha visto impegnati gli alunni di 5^A del plesso Lombardo Radice. 

Il progetto, partito nel mese di gennaio e indirizzato alle classi 5^ e 4^ della Primaria, sotto la guida di un'insegnante esperto nominato dal CONI, professor D’Angelo Loris, ha avuto lo scopo di incrementare la pratica sportiva e far comprendere l'importanza dello sport nello sviluppo fisico dei ragazzi. La pratica motoria e sportiva, tra le esperienze degli alunni nella scuola primaria, promuove vissuti significativi cui i ragazzi attribuiscono grande importanza. Ciò rende le lezioni di Educazione fisica motivo di gioia e grande aspettativa ma anche opportunità di crescita e di sviluppo di tutte le dimensioni della personalità. L’Istituto Comprensivo Calò, grazie alla Dirigente Scolastica prof.ssa Marianna Galli che ha fortemente voluto, sostenuto e valorizzato l’Educazione fisica e sportiva nella scuola primaria per le sue valenze trasversali e per la promozione di stili di vita corretti e salutari, ha aderito con entusiasmo sostenendo la partecipazione attiva degli alunni a percorsi educativi legati al tema dell’integrazione per la diffusione della cultura del rispetto e della fratellanza sportiva.

L’evento ha avuto inizio con l’Inno d’Italia, cantato dai ragazzi, dalle famiglie e dai docenti.

E’ stata una vera e propria festa per tutti: scuola e famiglia. Un’occasione di confronto, divertimento e condivisione di valori. Gli alunni hanno svolto diverse attività ludico-motorie in un clima di gioia e partecipazione. Il successo di questa iniziativa dimostra, ancora una volta, che la Scuola deve promuovere iniziative indirizzate a valorizzare e a veicolare l'importanza dell'educazione sportiva sia sul piano pedagogico, che su quello dell'apprendimento.                                                               

 

Commenti

Morrone, la boxe si tramanda di padre in figlio
L’A.I.A. di Taranto ricorda Gianfranco Buzzacchino